Villa Zeno, detta “Il Donegal”

Località: Cessalto, Donegal, via Donegal

La villa fu costruita per il patrizio Marco Zeno prima del 1566 su disegni di Andrea Palladio; essa compare nei suoi Quattro libri dell’architettura, ma con notevoli variazioni apportate.

Si tratta di un blocco a due piani, sviluppato in larghezza, con piccole finestre rettangolari e fasce marcapiano; il prospetto sul giardino si apre al centro con tre archi su pilastri, ai quali corrisponde sopra il cornicione un semplice timpano, che si rispecchia sul prospetto opposto; questo ha però assi che non coincidono con quelli del primo: quattro, più la porta stretta tra due finestre, nella sezione sottostante il frontone, e uno per lato.

Interni ed esterni sono dominati dalle armoniose proporzioni palladiane, malgrado l’estrema semplicità generale. Rispetto al disegno mancano soprattutto una termale sul prospetto principale e le barchesse, che con un portico a U su colonne trabeate avrebbero dovuto collegarsi alla villa formando un ampio cortile; esse non hanno corrispondenza negli annessi rustici esistenti.