Villa Giustinian, Salice

Località: Portobuffolè, via Giustiniani

Si tratta di un monumentale complesso della seconda metà del Seicento, che oltre alla villa comprende barchesse, annessi rustici, la chiesa di Santa Teresa, statue, il muro che racchiudeva un vasto parco ora adibito a colture, ingressi con statue, e l’ingresso in muratura con gradinata sul fiume Livenza, successivamente deviato.

L’ampia villa che si sviluppa orizzontalmente su tre piani, è caratterizzata da due assi binati e uno esterno singolo per lato, con settore centrale ristretto ma dalla forte spinta verticale. Il primo e l’ultimo piano hanno uguali finestre rettangolari, il piano nobile ha finestre centinate con testine in chiave d’arco e cornice orizzontale soprastante.

Nella parte centrale troviamo al piano terra un ingresso e le finestre rettangolari alla veneziana, direttamente connesse alla balconata superiore con trifora e cornice piana unica soprastante, una fascia neutra e in alto, a sfondare la linea di gronda, una serliana con balaustrata che illumina un abbaino, coronato da timpano con vasi acroteriali.

All’interno è presente un imponente scalone decorato a stucchi, sfarzose sale ancora a stucchi in altorilievo e soffitti affrescati.

La chiesa, del 1694, ha bellissimi stucchi, marmi, un affresco seicentesco, il soffitto dipinto da Domenico Fabris (1807 – 1901) e un crocifisso ligneo attribuito ad Andrea Brustolon.