Villa Fracanzan, Dal Ferro, Orgiano, Marsilio, Piovene Porto Godi

Località: Orgiano, via San Francesco

Secondo parere quasi unanime la villa viene attribuita all’opera del 1710 di Francesco Muttoni, che rimanda al linguaggio palladiano con l’alto abbaino a lesene e il frontoncino sagomato che sovrasta il pronao tetrastilo composito. Al lato sinistro si snoda un lungo porticato ad archi bugnati, mentre l’ingresso è sottolineato da uno scenografico viale che si allunga per circa un chilometro tra un doppio filare di carpini; non mancano cappella, limonaia, granaio, casa dell’orologio con voliera liberty, peschiere, casa contadina e intatto tutto il giardino impostato secondo lo schema di Versailles e dei parchi tedeschi.

All’interno diverse sale costituiscono un raro esempio di architettura settecentesca, ma soprattutto unico esemplare in Europa è la cucina seicentesca, con collezione di attrezzi e il famoso acquaio in marmi pregiati che Napoleone avrebbe voluto per il Louvre.