Gli Emirati arabi sono diventati la nuova mecca per gli italiani, cervelli o artigiani in fuga, pronti a sfidare il deserto e le temperature attorno ai 50 gradi, pur di trovare una soddisfazione lavorativa. Negli ultimi quattro anni, gli italiani registrati all’Aire a Dubai sono infatti triplicati: erano tremila nel 2012, mentre ora ogni mese ne arrivano tra i 100 e i 150. «Sono tantissimi e cavalcano la fama del Made in Italy, come del resto ho fatto io», racconta in questo caso il pennello in fuga pordenonese Massimiliano Maniero, 46 anni, dei quali gli ultimi 10 trascorsi a Dubai, dove ha aperto un’azienda, la Am. The art maker che si occupa di decorazioni artistiche e che ora sta andando alla grande, con incarichi anche da parte di sceicchi e di membri della famiglia reale.

Articolo completo: Massimiliano, decoratore che ha fatto fortuna lavorando per gli sceicchi

Fonte: Il Gazzettino

Commenta