Nel prossimo triennio, da qui al 2019, saranno investiti negli aeroporti del Garda – lo scalo del Catullo a Verona e Brescia Montichiari – 65,76 milioni di euro. Denari che rientrano nel programma di sviluppo degli scali, gestiti dalla società Catullo spa, regolato da un master plan al 2030, che prevede investimenti complessivi per 150 milioni di euro.

Il piano industriale degli aeroporti del Garda (compreso nel contratto di programma firmato tra Enac e Catullo Spa lo scorso 29 novembre) è stato presentato ieri nella sede di Confindustria Verona da Save, la società che dal 2014 è partner industriale di Catullo spa, dopo essere entrata nel capitale con una quota del 40%. «Ma siamo pronti ad arrivare all’80% – ha detto il presidente di Save Enrico Marchi -. I risultati confermano la bontà di questa operazione, quindi, affinché sia veramente fino in fondo un’operazione di sistema, dobbiamo completarla attraverso l’acquisto di altre quote per arrivare all’80%». E ha aggiunto, il presidente, sul tema dell’alleanza aeroportuale del Nordest, che «bisogna realizzare un sistema vero e proprio, un sistema fino in fondo. In questo, stiamo seguendo l’orientamento del Governo di costituire delle reti aeroportuali gestite da un unico soggetto, per fare sinergie, economie di scala, e rendere più forte il sistema aeroportuale italiano nel suo complesso».

Articolo completo: Aeroporti del Garda, investimenti per 66 milioni

Fonte: Il Sole 24 Ore

Commenta